DIECI PICCOLI SUGGERIMENTI PER AIUTARE TUO FIGLIO AD INIZIARE LA SCUOLA NEL VERSO GIUSTO

15 MODI PER CONNETTERTI CON TUO/A FIGLIO/A ADOLESCENTE
6 marzo 2017
Viverti Cometta Carla
15 marzo 2017
Mostra tutti

 

 

Ormai il tuo bambino va a scuola tutti i giorni. Ma invece di mostrare l’esuberanza che tu ti aspetti, ci sono dei giorni – specialmente lunedì- che tuo figlio inizia a piangere o dice di avere mal di stomaco. Non sta facendo finta! Spesso l’ansia colpisce il nostro organismo e, nel caso dei bambini, si manifesta con il mal di stomaco. Ma non ti preoccupare! Spesso i bambini hanno bisogno di un aiuto extra per iniziare la scuola nel modo giusto.

Ecco dieci piccoli suggerimenti che potranno esserti utili:

  1. Facilita il rapporto che il tuo bambino ha con l’insegnante. I bambini hanno bisogno di sentirsi connessi con gli adulti che possono tener loro al sicuro, così quando non sono con i loro genitori, loro hanno bisogno di trasferire questo “attaccamento” sull’insegnante. Nel caso contrario, il tuo bambino potrebbe accusare dell’ansia e non avere dei buoni risultati a scuola. Se tuo figlio non si sente a proprio agio a scuola, chiama l’insegnante immediatamente e prova a spiegare la situazione: sicuramente l’insegnante capirà e troverà il modo per far sentire tuo figlio rassicurato.
  2. Facilita il rapporto che il tuo bambino ha con gli altri bambini. I bambini sentono l’esigenza di legarsi ad almeno un compagno di classe. Chiedi all’insegnante se ha notato che tuo figlio ha legato con qualcuno. Chiedi a tuo figlio con chi si trova meglio ed invita il compagno di classe per un pomeriggio di giochi.
  3. Prova a dare al tuo bambino un modo per sentirti vicino durante la giornata. Per molti bambini la sfida più grande è salutarti. Prova a creare un piccolo rituale, come ad esempio un abbraccio e queste parole “Io ti voglio bene, tu mi vuoi bene, sarà una bellissima giornata e ti aspetto qui alle 15!”. Molti bambini amano avere una foto della propria famiglia nello zaino, altri un cartoncino con scritto la dedica della mamma. Questi sono tutti modi per far sentire tuo figlio più a suo agio.
  4. Rassicura tuo figlio sulle sue paure. L’ansia dei bambini può essere causata da preoccupazioni che tu trovi infondate, come a esempio che tu sparisca o addirittura muoia mentre tuo figlio è a scuola. Rassicura il tuo bambino che le persone che si vogliono bene non si separeranno mai, che tu stai bene e che a scuola si divertirà tanto.
  5. Aiuta tuo figlio a ridere sopra le sue paure. Ridacchiare è il modo che ha tuo figlio per allontanare le ansie. Dai a tuo figlio la possibilità di ridere fin quando è possibile. Se ogni mattina tu riuscissi a passare un po’ di tempo giocando con lui, lui vivrà la separazione più tranquillamente. Ti proponiamo qualche gioco che aiuteranno tuo figlio ad affrontare meglio la separazione:

“Per favore non mi lasciare!” Quando ti accorgi che sta per piangere, abbraccialo forte e digli quanto gli vuoi bene. Mantieni una voce giocosa, così si sentirà libero di andare via. Però invece di lasciarlo andare, continua a stringerlo e chiedi drammaticamente di rimanere con te. In questo modo lui riuscirà a superare la paura della separazione, perché sarà lui a scegliere di andare via. Ovviamente tenta di esagerare il più possibile e finisci per ridere insieme a lui.

The Bye Bye Game. Digli “Ora giochiamo al Ciao-Ciao”. Avvicinati alla porta d’ingresso, ma non entrare in casa. Rimani sul ciglio della porta e recita come se non volessi separarti da lui. Digli “Mi mancherai! Non voglio allontanarmi da te!” Poi fai finta di trovare il coraggio dentro di te e digli “Ok, ci riprovo! Sarò più coraggiosa!” e fai finta di tentare ad entrare nuovamente in casa. Rifai di nuovo la tua piccola recita fin quando lui non si metterà a ridere.

  1. Rimani connessa a lui. Ogni mattina dimostragli quanto gli vuoi bene. In più assicurati che ogni giorno tu abbia un po’ di tempo per lui.
  2. Stai attenta ai segni di ansia di tuo figlio. La maggior parte delle volte il tuo bambino si sentirà a proprio agio in poche settimane. Però c’è il caso che la sua ansia sia causata da problemi più grandi: potrebbe essere vittima di bullismo, non vedere bene la lavagna o non capire qualche cosa a lezione. Prova a chiedergli com’è andata la giornata ed ascoltalo bene. Inizia la conversazione leggendo i libri che usa a scuola. Parlagli dei tuoi bei ricordi del periodo scolastico. Prova a creare una piccola scenetta con le sue action-figures o i suoi animaletti-giocattolo , inscena il caso in cui uno di loro non voglia andare a suola e chiedi a tuo figlio “Secondo te perché lui non vuole andare a scuola?”.
  3. Facilita la “transizione”. Se il tuo bambino si agita al momento dell’allontanamento, rassicuralo dicendogli che andrà tutto bene e che lo aspetti a casa nel pomeriggio.
  4. Assicurati di arrivare a scuola qualche minuto prima del suono della campanella. Questo è importantissimo! Non vederti immediatamente potrebbe agitarlo.
  5. Fatti aiutare dai tuoi figli più grandi. Se i fratelli più grandi vivono ancora a casa con te, chiedi loro di confrontarsi con il piccolino e dirgli quanto è noioso stare in casa e che la scuola dei “bimbi grandi” è bellissima.
  6. Crea un ambiente famigliare tranquillo in cui si va a letto presto e mattinate pacifiche.

Fonte originale:http://www.ahaparenting.com/Ages-stages/school-age/Help-kids-adjust-school

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com