Autostima, genitori e cavalieri medioevali

LA SCUOLA E’ FINITA
17 giugno 2016
Ecco la maniera più efficace di come un insegnante motiva i suoi studenti prima degli esami.
19 settembre 2016
Mostra tutti

federicabenassi-genitori-figli-adolescenti-stress-disgrafia-anoressiaAmo le metafore, piccole storie in miniatura che aiutano a capire un concetto. Parlando di autostima mi piace usare quella del Cavaliere medievale. Quando questi combattenti dell’antichità partivano per una battaglia, un fedele scudiero si occupava di vestirli e di ricoprirli di una robusta armatura e consegnava loro le armi per affrontare il combattimento.

Ora, parlando di uomini, di donne e specialmente di ragazzi, mi piace immaginarli come tanti piccoli combattenti, perché poi è questo che siamo in realtà, tanti piccoli Cavalieri. Si nasce e si inizia a combattere le nostre tante piccole e grandi battaglie e il come le affronteremo dipende solo dalle armi che avremo a disposizione e che qualcuno ci avrà consegnato.

A consegnare quelle più importanti dovrebbero essere i genitori, sin dalla tenera età, le altre poi le affineremo strada facendo, trovando e usando quelle a noi più consone.

La più potente di queste è senza dubbio l’Autostima, che è arma e armatura allo stesso tempo. Arma che ci aiuterà ad affrontare gli ostacoli, a crescere e a colpire duro quando dovremo farlo. Che ci spingerà a raggiungere gli obiettivi, dove credere in noi stessi e nel nostro potenziale farà tutta la differenza del mondo. Sarà la nostra spada laser del Cavaliere Jedi, molto più attuale del cavaliere medievale.

Ma sarà anche robusta armatura, una corazza che ci proteggerà dalle avversità, da chi tenterà di denigrarci, svilirci, una corazza su cui rimbalzeranno i duri colpi che a volte la vita ci infligge.

Credere in noi, sempre e nonostante tutto, ci permetterà di superare ostacoli impensabili.

Ma avremo bisogno dei nostri fidati scudieri, soprattutto durante l’infanzia e l’adolescenza, scudieri che ci inviteranno a provare, a buttarci nella mischia, che ci loderanno di fronte ai progressi che faremo, che ci sosterranno di fronte ai fallimenti e ci inciteranno a rialzarci. E che ci ameranno indipendentemente dal risultato.

I genitori sono, o dovrebbero essere, i nostri più fidati scudieri. Da loro e da come ci prepareranno alle battaglie dipenderà il nostro livello di autostima. Loro, i genitori scudieri, potranno influenzare i figli a tal punto, come diceva lo studioso Hayakawa, da indurli a diventare le persone che pensano di essere.

Quindi, genitori miei, andate e forgiate le armi e le armature per i vostri cavalieri, vi ringrazieranno al ritorno dalla battaglia.

Federica

 

 

 

 

 

1 Comment

  1. Alessandra ha detto:

    Il tema dell autostima mi interessa moltissimo perché i miei due ragazzi di 13 e 10 anni credono poco in loro stessi, sarà colpa mia probabilmente, allora vorrei chiederti un consiglio su qualche buon libro da leggere a riguardo. Grazie mille Alessandra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com