Mio caro genitore, non commetterai anche tu questi errori?

PROBLEMI DI COPPIA?
27 ottobre 2014
Un metodo per risolvere i conflitti fra genitori e figli.
3 novembre 2014
Mostra tutti

5 errori fatali che oggi fanno i genitori.

Ebbene sì genitori vi informo che c’è un numero sempre più crescente di adolescenti depressi senza saperne il perché e, nonostante mi raccontino in sessione di counseling, di aver avuto un infanzia magica, si sentono infelici. Mi sono accorta che i genitori di oggi tendono a intervenire “troppo in fretta”. Cioè fanno qualsiasi cosa per evitare che i propri figli affrontino il benchè minimo di disagio ansia o delusione. La scuola materna viene cambiata spesso per futili motivi, o ai primi disagi che i figli incontrano, e non parliamo delle elementari dove la classica frase che sento dire dalle mamme è: “la maestra non capisce nulla quindi cambio scuola.” La domanda è: intervenire sempre è veramente nell’interesse dei figli? Le avversità fanno parte della vita e solo affrontandole i figli potranno sviluppare quella capacità di adattamento di cui avranno bisogno più avanti.

Ecco i 5 inconsapevoli errori che i genitori fanno.

1)  Adorazione dei figli. Abbiamo dei bambini centrici. Si fanno le cose per loro, spendere per loro, inondarli d’amore e d’attenzione. Ai figli piace perché le loro vite ruotano intorno a loro. Ma attenzione, i figli sono fatti per essere AMATI, non venerati.

2)  La teoria del bambino perfetto. I genitori di oggi non vogliono sentire nulla di negativo nei confronti dei loro ragazzi.

3)  La competizione dei genitori. Ogni genitore ha un lato competitivo. Alla radice di ciò c’è la paura, si teme che i propri figli rimangano indietro.

4)  I figli che un genitore vuole, contro i figli che ha. Dentro a ogni genitore, si spera, che i propri figli siano uguali a loro, ma anche più intelligenti e più dotati. Imporre i nostri sogni non funziona.

5) Non fargli coltivare i suoi talenti. La buona riuscita a scuola non sempre va di pari passo con le capacità di ciascuno: Einstein (giudicato uno studente mediocre dai suoi professori) ne è l’esempio. Quindi, per preparare un bambino alla vita, è bene fargli coltivare i suoi talenti e le sue passioni, senza pregiudizi: preferite che vostro figlio diventi un ottimo cuoco o un pessimo medico?

E’ duro vedere fallire i propri figli, ma volte è necessario farlo. Il dolore a breve termine è un guadagno a lungo termine.

Preparate vostro figlio alla strada, invece, che la strada per vostro figlio.

 

2 Comments

  1. Geanina ha detto:

    Sono D accordo con il fatto che i genitori intervengono “troppo in fretta”.

    Inconsapevole delle conseguenze per la durata nel tempo , ma consapevole per il mio figlio ,ho intervenuto attraverso una diversita di domande fatte nel posto dove frecventava mio figlio ,al nido poi lo dovuto tenere acasa prima del fine anno di frecvenza.

    Immagina che la strada si e trasformata in autostrada ,durante gli anni ,con il sviluppo adeguato.

    Da quel periodo fino a otto anni ,(come una tra altre osservazioni) e che i adolescenti depressi che hanno avuto una infanzia magica ,sono infelici perche la loro attenzione da piccoli e stata indirizzata verso l esterno.

    Il bambino e gia felice per se stesso ,almeno che non ha intorno a se , adulti inconsapevoli che la felicita e dentro se stessi ,e non fuori da se stessi e quindi di consecvenza l adulto rispecchia sul bambino,con le sue esperienze ,dalla sua infanzia. (modi da fare,pensare ,agire ecc).

    Piano ,piano la sua naturale felicita si perde , prendendo il posto la felicita acquisita attraverso le cose materiali ,che dura poco. E che e risentita poi negli anni. I soldi ci aiutano per portare una vita migliore ,pero non hanno a che fare con il pagamento interiore ,che lo sentiamo quando siamo d avvero felici.
    Infatti ci sono bambini che scelgono i giochi attraverso il sentire ,attraverso il cuore, giochi con quale si trovano in armonia indipendente della cifra spesa o dal fatto che non si e speso nulla ,e ci sono anche bambini che scelgono i giochi attraverso il prezzo. Quindi guarda il prezzo e prende il gioco. Il prezzo da un anno al altro cresce per forza,perche lui cresce in eta.

    Da quanto so ,la scuola materna non si puo cambiare /fare trasferimento (podarsi valido per genitori che hanno la laurea in psicologia) quindi si puo rimanere nella stessa materna o se non ,rinunciare al posto in caso di uno tra gli altri motivi futili : “rubare”

    .Un quadro ,un capolavoro creato da persone che sottolineato da una di loro : maestre brave come noi ,non trovera mai! “. Un capolavoro di un anno vietato da parlare in giro ,perche il genitore minacciato con la denuncia (cosi ,nel silenzio totale si lavora in tranquilita e sicurezza durante gli anni).

    Il quadro “rubare” ricostituito ,non sul momento ,ma nel tempo ,attraverso l osservazione strategica completo di : paure ,emozioni,umiliazioni,responsabilità del genitore ,preoccupazione delle maestre per la gravita di “rubare “ cianfrusaglie da scuola,presentazione del caso come esempio agli altri bambini di tre –quattro anni ,davanti alla classe,squardi dei genitori , mapa mentale acquisita con la parola “rubare”rispecchiata nel comportamento del bambino fuori dal ambiente scolastico , la capacita di ignorare “la parola” del genitore da parte del figlio nel periodo “di dimostrazione” ecc.ecc. che dopo tutto il impegno ,perseveranza e costanza del bambino inocente,attraverso una domanda diretta e una conferma ,tra tutti seimilla motivi possibili la verita esce fuori attraverso la conferma di una maestra :diceamo che di questa volta te l abbiamo prestato .

    Di conseguenza ,come in una magia ,rientra tutto nel normale :il bambino non ruba piu le cianfrusaglie (quindi non ha piu bisogno di coprire” certe mancanze” apposta create) senza che il genitore gli dica nulla ,il genitore riacquisisce l autorita verso il bambino , il genitore non si occupa piu da dezeeducare il bambino perche il bambino non arriva piu educato a riguarda questo motivo, il bambino ascolta dalla parola del genitore ecc.

    L esperienza la acquisita il bambino come parte “attiva” tra genitore e maestra ,ognuno con il suo ruolo e la sua responsabilità ,e lui in mezzo “ fa tesoro” attraverso la ripetizione di una diversita di qualita che non sono a vista ( non sono ha vista ,ma hanno un ruolo importante nel suo sviluppo come carattere ):imparare dire buggie ,sfidare genitore ,ecc.ecc.

    Poi se ci sono disturbi comportamentali con i figli si va dallo psicologo ,dallo specialista .

    Se ce la sorpresa che in posto del medico si trova “una assistente sociale “(che non sai absolutamente nulla “ufficialmente “da dove e arrivata,chi la mandata e cosa vuole nonostante per la praivasy della visita ) in nostri tempi ,non rimane piu nel invisibile perche i puntini si collegano tra di loro e il “capolavoro” durato per anni ,sara apprezato di chi sa apprezzarlo ,per il bene di tutti.

    Scopri da solo/a che e una assistente sociale ,perché poi ,anche dopo un anno di stato acasa, il bambino inizia a fare” cappricci” essagerati su tutto :mangiare ,vestire ,non vuole essere lavato ,non vuole che lo tocchi ,inizia a ribellarsi contro ,non gli piace nulla di tutto che fai ,ordina ,comanda ,ti porta in una confusione totale quando devi andare a fare le visite dallo psicologo per lui ,strilli urli ,inizia a dimenticarele cose belle e nello stesso ricorda le cose dal nido ,matterna ecc.ecc. ecc.

    Elementari ???? Li le cose si fanno sul serio.

    Ho capito che per es. una maestra di italiano lavora come maestra di italiano piu come assistente sociale.

    Infatti non ce da stupire se un bambino non sa ancora bene leggere e scrivere in seconda elementare .

    Per essere parte “attiva”ce bissogna di tempo per ricevere informazioni e sapere cosa deve fare ,ce bissogna di spazio e persone che sono al corrente con il modo da fare ecc.

    Se per caso il bambino e nella seconda elementare ufficialmente ,e e mandato a fare ogni tanto ,la prima elementare nulla da stupirsi .

    L impegno e a piu livelli ognuno con la sua responsabilità (bidelli,maestri ,direzione ).Un collaborazione interna molto discreta ,e confirmata dal linguaggio non verbale delle persone .

    Funziona: tutti sanno e nessuno non sa nulla .Seguendo il linguaggio non verbale ho osservato due gruppi con la partecipazione anche dei genitori . Stupendo. Una cosa di questo tipo avevo incontrato anche alla materna .Genitori “aiutano”.

    Avevo dovuto eliminare le conversazioni con certi genitori ,perche mio figlio ,in un secondo momento mi faceva vedere un comportamento diverso ,di quello che parlavo con i genitori.

    Dopo un ritiro di quassi due messi dalla scuola elementare, perche nel tempo, ogni giorno ,ogni anno durante il periodo scolastico ce bisogno di piu tempo di riprendersi , perche il bambino arriva a livelli estremi dal punto di vista psicologico essendo parte “attiva” e quindi non essendo visibile non ce la credibilità (solo se ha la febbre) in resto deve andare a scuola ,mi e stato confirmato da una maestra ,titolare del posto ,che ci sono delle leggi (che non sono state fatte da maestre) ma dallo Stato ,Ministero dell Istruzione ,Parlamento quindi dentro la scuola qualcosa “dovrebbero” sapere a riguarda i bambini ,specialmente quando sono impegnati in ruolo “attivo” da un po di anni . Due anni di seguito ,solo in una scuola.

    Girare intorno a un bambino per un po di anni , in due cosidette squadre con due motivazioni diverse che senso ha? Ma cosi tanti anni ?

    “La maestra non capisce nulla cambio scuola?”

    Strada facendo ho incontrato maestre in scoli diverse :materna e elementare ,che seguivano un certo “copione” erano diventate tipo come “marionete”nei miei confronti e anche di mio figlio ,ma senza conoscere me e senza sapere che io e mio figlio avevamo gia delle esperienze simile.

    Eravamo su due livelli diversi di compressione,non capiva quello che stavo parlando e quindi era normale per me ,ma non sapeva che il discorso che mi l aveva fatto aveva un messaggio che mi mandava nel passato come esperienza e quindi ,il discorso proveniva da qualcuno/a che conosceva gia il nostro percorso.

    Penso che il nostro ruolo e fare i genitori , e non educare le maestre ,bidelli ,direzione.

    Ci sono persone adatte che sanno meglio di noi come genitori ,le responsabilità delle maestre ,bidelli ,direzioni nei confronti del genitore bambino a riguarda la chiarezza,trasparenza ,sincerita e quindi a volte ce bissogno di aggiornamenti .

    Genitore Presente e nello stesso tempo non Presente, rispentando il loro lavoro e la loro persona ;bissogna adattarsi fino a un certo punto.

    Quindi , tutto quello che facciamo noi come genitori ,ricade sui nostri figli. Se facciamo il cambiamento partendo da noi stessi ,il cambiamento si vede anche nei figli.

    Un punto di riflessione sulla diversita dei modi da fare che possono succedere a ogniuno di noi indipendente del ruolo svolto nella vita ,tanto per cambiare lo stile di vita in meglio.

  2. Daniela ha detto:

    Concordo pienamente, ho capito pure io di aver fatto errori in passato e spero di migliorarmi di giorno in giorno ,grazie mille per i consigli utili😊

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com