L’EDUCAZIONE DEGLI ADOLESCENTI. DA DOVE COMINCIARE.

I MOMENTI DI CRISI SONO DELLE GRANDI OPPORTUNITÀ
6 febbraio 2017
Come migliorare la relazione con tuo figlio adolescente nel 2017
20 febbraio 2017
Mostra tutti

 

 

L’adolescenza è solitamente un periodo difficile per i genitori: sembra proprio che i figli vogliano fare esattamente l’opposto di quello che viene detto loro.

Questo comportamento è dovuto a diverse ragioni: è una fase in cui loro devono trovare la propria identità e capire cos’è davvero importante per loro.

L’adolescenza è una fase estremamente delicata in cui è necessario fare di nuovo i conti con la disciplina e l’educazione: se tu genitore tenti di reprimere il carattere ribelle di tuo figlio invece di ascoltarlo, ti dovrai confrontare con un adolescente che ha imparato a dire le bugie.

Se hai un figlio testardo, imparerai quanto è difficile tentare di controllarlo e quanto può essere risolutiva una collaborazione con lui.

Se tuo figlio non ha un’indole ribelle, forse penserai che fino ad ora hai saputo controllarlo. Brutte notizie, non è vero! Forse tuo figlio ti rispetta così tanto che fa solo quello che tu gli dici di fare. O forse è intimidito dalle tue parole.

Se hai un buon rapporto con tuo figlio e il rispetto c’è da entrambe le parti, se tu consideri le discussioni necessarie per la crescita di tuo figlio, allora puoi contare sul fatto che sarà un’adolescenza “facile”. Tuo figlio rispetterà le tue decisioni la maggior parte delle volte oppure, quando non sarà d’accordo, cercherà di negoziare con te.

Se pensi che punendo tuo figlio riuscirai a controllarlo, allora sarai scioccato dal fatto che non è così. E’ necessario creare un rapporto empatico con il proprio figlio: gli adolescenti che non sono puniti tendono a creare prima un comportamento disciplinato e una forte autocoscienza.

 

DA DOVE COMINCIARE?

  1. Utilizzare un tono rispettoso verso tutti i membri della famiglia.

Se stai urlando, fermati! È questo il motivo per cui anche tuo figlio urla e non ti ascolta. Non è necessario urlare per avere le attenzioni di tuo figlio adolescente. L’adolescente non può fare a meno di considerare un urlo come una forma di bullismo. Come ti sentiresti se ti urlassero contro?

  1. Focalizzarsi su come rafforzare il rapporto genitori-figli e porre delle regole.

Assicurati di avere del tempo libero da dedicare a tuo figlio, ad esempio, se tuo figlio è troppo “impegnato” per connettersi a te, fagli un massaggio ai piedi. Non puoi sperare di avere un’ influenza nei suoi comportamenti se tuo figlio non ama la tua compagnia.

  1. Smettere di punire tuo figlio.

Assicurati che tuo figlio conosca che ci sono regole “non negoziabili”. Non ce ne devono essere molte, solo alcune molto importanti. Poi siediti con la tua famiglia per negoziare su altre regole.

  1. Impostare le aspettative che hai per i tuoi figli in modo chiaro.

Questo aspetto varia in ogni famiglia. Ad esempio nella mia, i nostri ragazzi sanno essere rispettosi nei nostri confronti e tra di loro, sanno quanto sia importante essere onesti con noi e mantenere buoni voti. Non vogliamo caricar loro di un sacco di responsabilità durante l’anno scolastico, perché ogni giorno si devono svegliare molto presto e hanno molte attività nel doposcuola. Ci danno una mano ogni volta che chiediamo loro aiuto, e ogni estate fanno qualcosa in più. Ad esempio, ogni estate lavorano per guadagnare i soldi per i loro fondi universitari.

 

  1. Offrire qualunque supporto se è necessario a tuo figlio per rispondere alle tue aspettative.

Se tuo figlio non lavora duramente a scuola, prova a capire se questo è dovuto al fatto che ha bisogno di fare i compiti senza la distrazione di Facebook. Se ha un atteggiamento ostile nei tuoi confronti, considera questo come un campanello d’allarme: tuo figlio non sa come rendere le cose migliori e ha bisogno dei tuo aiuto e del tuo supporto per capire quale sarà il prossimo passo per risolvere il problema.

 

  1. Promuovere tuo figlio in un modo nuovo.

Sei preoccupato che tuo figlio non sia “considerato responsabile”? Prova ad introdurre il concetto di “riparazione”. Questo accade quanto tu gli chiedi se sia possibile fare qualcosa per rendere la situazione migliore. Ricorda però che se tenti di far ingoiare con l’imbuto questo concetto a tuo figlio, lui lo rigetterà. Prova a fargli capire che può essere una grande opportunità per lui di imparare che tutti noi facciamo degli errori e c’è sempre una soluzione a tutto.

 

  1. Mantenere un buon senso dell’umorismo mantenendo dei limiti

Prendi in considerazione l’idea che tuo figlio voglia testare la tua serietà. Sii socievole mentre tenti di porre delle regole. Ad esempio, durante i compiti assicurati che tuo figlio sia concentrato piuttosto che distratto dai videogame – ma trova il modo giusto di farlo. Aiutando vostro figlio a sviluppare una disciplina interiore, dopo un po’ di tempo le regole imposte diventeranno un’abitudine e tuo figlio stesso raccoglierà i frutti di questo tipo di educazione, iniziando così a ragionare con la propria testa.

 

Fonte originale: http://www.ahaparenting.com/ages-stages/early-teens/positive-discipline-teens

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com