Baby talk o motherese la lingua che parlano le madri con i loro piccoli.

COME FARSI ASCOLTARE DAI PROPRI FIGLI SENZA URLARE.
16 aprile 2015
“Buoni genitori”: 5 miti da sfatare
8 luglio 2015
Mostra tutti

adolescenti-mamma-figlie-genitori-stress-figli-federicabenssiNON E’  COSA DICI, MA  COME LO DICI.

( Questo è il segreto delle mamme.)

Ogni madre lo parla per istinto, basta la sola vista del neonato a farlo salire alle labbra; non esiste una scuola che lo insegni, eppure è un vero e proprio linguaggio, con una sua sintassi, una sua grammatica e un suo vocabolario. È fatto di parole cantilenate, lunghi sguardi e lunghe pause, parole ripetute, onomatopee e frasi semplici. Quando le madri lo usano la loro voce tocca una tonalità più alta del solito e assume un andamento cantilenante, quasi musicale. Gli studiosi lo chiamano motherese o baby talk, è la lingua che parlano le madri per comunicare con i bambini piccoli.

Gli psicologi lo osservano ormai da tempo, i pediatri lo verificano nella pratica quotidiana, le mamme l’hanno sempre saputo: con i neonati la voce materna arriva dove non può arrivare quella di nessuno altro, ha un effetto calmante, quasi ipnotico, sicuramente benefico, e questo perché è in grado di giungere a quelle zone del cervello che presiedono alle emozioni.

Ora però una ricerca condotta in Giappone sembra dare concretezza scientifica a queste conoscenze. Due anni fa, nel reparto di neonatologia di un ospedale giapponese è stato condotto un esperimento. L’obbiettivo era quello di capire come risponde il cervello di un neonato alla voce materna. Ad un campione di 20 madri è stato chiesto di leggere un passo della favola di Cappuccetto rosso; una prima volta immaginando di rivolgersi a degli adulti (voce A), un’altra immaginando di leggerla al proprio bambino (voce B). Durante il sonno i 20 neonati sono stati sottoposti, in momenti diversi, all’ascolto delle due voci registrate. I ricercatori hanno verificato che durante l’ascolto della voce B il flusso cerebrale del neonato aumentava significativamente rispetto al momento in cui i neonati ascoltavano la voce A.

In altre parole, l’intonazione della voce fa tutta la differenza. Soltanto il motherese attivava zone del cervello connesse allo sviluppo delle emozioni, anche nel sonno.

Come sempre, gli scienziati sono più cauti di quanto non siamo noi, inclini ad andare dove ci portano il cuore e la suggestione, e non confermano che ci sia una relazione di causa-effetto tra il motherese, l’attivazione del flusso cerebrale e il futuro sviluppo emozionale del bambino; ma forse vale la pena di ricordare quello che da tempo gli psicologi osservano: che le madri depresse non sono in grado di parlare il motherese e che i loro figli corrono un rischio maggiore di depressione e problemi di sviluppo. Sarà un caso?

Dal mio punto di vista: si è vero. Noi mamme abbiamo (fortunatamente) questa innata capacità, inspiegabile di comunicare con i figli neonati che va oltre la ragione. E io questo feeling tra madre e figlio/a l’ho visto tante volte. Ma, ho anche visto mamme molto orgogliose che continuavano ad attivare il motherese (questo  andamento cantilenante, quasi musicale) con i loro figli non più neonati, ma già adolescenti. Lo trovi esagerato? Cosa ne pensi?

 

Fonte: http://www.uppa.it/rubriche/nascere/neonato/il-motherese-e-la-lingua-delle-mamme

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com