QUANDO LA MORTE ENTRA IN CLASSE…

Nutriamo la mente..
8 aprile 2016
Il Sabato a Sedico si cresce insieme, ma che bravi genitori.
24 aprile 2016
Mostra tutti

Sì, é successo ,un alunno della classe é volato in cielo e da ora in poi non lo vedremo più qui seduto nei banchi, lui ci vedrá da lá e sará sempre con noi. In questo momento così difficile della mia vita di educatrice condivido le confortanti parole di Sant’Agostino:” …la morte non é niente, sono solamente passato dall’altra parte: é come fossi nascosto nella stanza accanto. Io sono sempre io e tu sei sempre tu. Quello che eravamo prima l’uno per l’altra lo siamo ancora. Chiamami con il nome che mi hai sempre dato, che ti é familiare, parlami nello stesso modo affettuoso che hai sempre usato.Non cambiare tono di voce, non assumere un’aria triste. Continua a ridere di quello che ci faceva ridere, di quelle piccole cose che tanto ci piacevano quando eravamo insieme. …perché dovrei essere fuori dai tuoi pensieri e dalla tua mente, solo perché sono fuori dalla tua vista? Non sono lontano sono dall’altra parte dietro l’angolo…asciuga le tue lacrime e non piangere, se mi ami il tuo sorriso é la mia pace”.

È così domani, in classe, ricominceremo con un banco vuoto ma con il cuore pieno.

12721607_1254251527937680_399174635_n-2Maestra Billi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com