L’empatia apre la porta alla comprensione, alla connessione e alla fiducia. Aiuta i bambini a sentire che i genitori sono dalla loro parte.

Questo è ciò che gli smartphone stanno facendo ai nostri ragazzi.
7 maggio 2018
ESAMI CHE PAURA
24 giugno 2018
Mostra tutti

Mentre camminavo a Lake Tahoe con un amico, mia figlia di 8 anni mi corse incontro e disse: “Sto morendo per dei fagioli di gelatina!” (le jelly bean),”I fagioli di gelatina sono terribili per il tuo corpo e per i tuoi denti”, risposi.

Mia figlia mi guardò, si accigliò e poi corse via. L’avevo letteralmente respinta con la mia insensibile risposta. Ho chiuso la porta. Ho capito immediatamente cosa avevo fatto. Ovviamente non è stato un grosso problema, ma ho perso l’opportunità di connettermi, di costruire la nostra relazione e forse anche di risolvere alcuni problemi insieme. Sono piccoli momenti come questo che possono far sentire i bambini sconnessi, incompresi o feriti.

Mettiti nei panni di un bambino per un momento. Guarda questi esempi e immagina di essere dall’altra parte di una porta quando i tuoi genitori danno il loro parere.. Se ti senti capito, connesso e aperto a più conversazioni, apri una porta immaginaria. In caso contrario, chiudila.  Scenario 1  Bambino: “Sono così arrabbiato! Il pesce della classe è morto oggi e l’ho trovato che stava galleggiando nell’acqua! ” Genitore: “Oh, è solo un pesce. Il tuo insegnante può prenderne uno nuovo. ” Nei panni del bambino, cosa stai pensando e quale emozione stai provando? Cosa pensi riguardo ai tuoi genitori? TI SENTI CAPITO? CONNESSO? Vuoi aprire la porta o chiuderla?  Scenario 2: Bambino: “Ho troppi compiti da fare a casa stasera. Non posso credere che i miei insegnanti me ne abbiano dati così tanti. ” Genitore: “Più aspetti, più tempo ci vuole, quindi ti consiglio di iniziare.”

 

Nei panni del bambino, come ti sei sentito? Cosa hai provato? TI SENTI CAPITO? CONNESSO? Cosa vuoi fare con quella porta?

Proviamo di nuovo, questa volta utilizziamo l’empatia.  Scenario 1  Bambino: “Sono così arrabbiato! Il pesce della classe è morto oggi e l’ho trovato che stava galleggiando nell’acqua! ” Genitore: “Oh no! Deve essere stato abbastanza scioccante e davvero triste per te. Era quello piccolo arancione o quello nero? ” Nei panni del bambino, cosa stai pensando e sentendo? Cosa pensi riguardo ai tuoi genitori? TI SENTI CAPITO? CONNESSO?

Vuoi aprire la porta o chiuderla?

Scenario 2:  Bambino: “Ho troppi compiti a casa stasera. Non posso credere che i miei insegnanti me ne abbiano dati così tanti ”  Genitore: “I tuoi insegnanti ti hanno dato troppi compiti a casa stasera, eh? Accidenti.” Cosa stai pensando e sentendo ora come il bambino? TI SENTI CAPITO? CONNESSO?

Cosa vuoi fare con quella porta? Aprirla o chiuderla?

L’empatia apre le porte alla risoluzione dei problemi. Non risolve necessariamente il problema, ma consente di eseguire i passaggi successivi. ” Queste erano le parole esatte di Stephen Foster, co-autore di Disciplina positiva per bisogni speciali, in un seminario nel 2012.  Una volta aperta la porta, posso sondare ulteriormente per arrivare alla radice del problema. Oppure posso aiutare mio figlio a capire cosa fare dopo.  Ecco un esempio che utilizza lo Scenario 2: Bambino: “Ho troppi compiti a casa stasera. . Non posso credere che i miei insegnanti me ne abbiano dati così tanti ” ” Genitore: “I tuoi insegnanti ti hanno dato troppi compiti a casa stasera, eh? Accidenti.”[La porta è ora un po ‘aperta] Bambino: “Sì! Perché non si possono organizzare tra di loro gli insegnanti? ? Ho tre materie da studiare! ”  Genitore: “Wow, sembra molto. Mi chiedo se tra di loro gli insegnanti parlano dei compiti dati ai loro studenti. ” [La porta si apre sempre di più]  Bambino: “Non sembra così. È semplicemente ridicolo. Non so quando finirò. ” Genitore: “Non lo so, neanche io. ” [E siamo potenzialmente a posto[La porta è ora un po ‘aperta]

L’empatia apre le porte a molto più della semplice risoluzione di problemi. Apre anche la porta alla comprensione, alla connessione e alla fiducia. Aiuta i bambini a sentire che i genitori sono dalla loro parte.

E una volta che i bambini ti vedono come un alleato, sono molto più propensi a essere calmi, creativi e aperti alla tua influenza e a nuove soluzioni. Sono più propensi a venire da te a parlare dei loro problemi.

È più probabile che diventino anche adulti empatici ed emotivamente intelligenti.

Hai mai vissuto un momento in cui ti sentivi confuso o turbato e ti capitava di incontrare un buon ascoltatore che semplicemente ascoltava e convalidava i tuoi sentimenti mentre parlavi della tua situazione? Non hanno cercato di parlarti dei loro sentimenti, o ti hanno detto cosa devi fare Hanno semplicemente ascoltato con empatia.

 

E poi la risposta ai tuoi quesiti è arrivata solo a te, da sola.

Quanto sei connesso a quella persona? L hai rispettata? Torneresti di nuovo da lei quando hai avrai un altro problema? Forse un problema più serio come l’abuso di droga, il bullismo o la depressione? Daniel Siegel, professore clinico di psichiatria presso la scuola di medicina UCLA e direttore esecutivo del Mindsight Institute ha questo da dire sull’empatia: “Quando i bambini vivono un’interazione empatica, l’empatia non viene solo insegnata; “, dice Dan,” Quando ci accordiamo con gli altri, permettiamo al nostro stato interno di spostarsi, di entrare in risonanza con il mondo interiore dellaltro . . I bambini hanno bisogno di sintonizzazione per sentirsi sicuri e per svilupparsi bene, e per tutta la vita abbiamo bisogno di sintonizzazione per sentirci vicini e connessi “. Perché è così difficile iniziare con l’empatia? Ho pensato molto a questa domanda ed ecco cosa ho scoperto. Mi piacerebbe sapere se sei d’accordo.  1. È difficile iniziare con l’empatia perché crediamo che la convalida dei sentimenti sia la stessa cosa della convalida delle azioni. Se convalidiamo l’amore di nostro figlio per le jelly bean, pensiamo che questo significhi che dobbiamo quindi darle le jelly bean. Ma noi no. Siamo in grado di entrare in empatia con i suoi desideri e di mantenere ancora un limite. “Permetti i sentimenti. Limita il comportamento. “- Dott.ssa Laura Markham Ad esempio, “Ami davvero i jelly bean e ne vuoi un po ‘adesso!” Convalida semplicemente l’esperienza di mio figlio. Non significa che devo andare a prenderle le caramelle di gelatina. A volte essere capiti è sufficiente, e i bambini possono quindi lasciare più facilmente la cosa che vogliono ma non possono avere. 2. È difficile iniziare con l’empatia perché pensiamo che riconoscere l’esperienza di nostro figlio possa prolungare il problema o peggiorarlo. Quando mio figlio si lamenta dei compiti a casa, è molto più veloce dire semplicemente: “Prima inizi, più presto finirai.” Speriamo che questo tipo di risposta abbia un senso nei nostri ragazzi, ma in realtà, alimenta la disconnessione e probabilmente inviterà ancora più ritardi. Ora tuo figlio ha due nemici piuttosto che uno solo: i compiti e tu! Se invece potessi iniziare, “Hai molto da fare stasera. Mi sembra troppo, eh? “Poi ho aperto la porta per essere ascoltato, compreso e per trovare soluzioni. Anche nominando semplicemente un’emozione – “Dagli un nome per domarlo”, come dice Daniel Siegel – abbassa i livelli dell’ormone dello stress, il cortisolo nel sangue, lasciando le persone a sentirsi più calme e creative (The Whole-Brain Child). Denominare le emozioni può essere semplice come i seguenti esempi: “Sembri spaventato” / “Mi sento spaventato” “Sembri davvero arrabbiato /” Mi sento arrabbiato ” “Sembra che tu ti senta ferito” / “Mi sento ferito” 3. È difficile iniziare con l’empatia perché a volte non siamo d’accordo con la posizione di nostro figlio e crediamo che abbiano bisogno di ascoltare un altro aspetto della storia. Un primo esempio è quando il tuo bambino colpisce un altro bambino. Saremo tutti d’accordo che colpire non è OK.  Saremo anche d’accordo sul fatto che tutti noi vogliamo che il nostro bambino colpevole sia in grado, a un certo punto, di inibire l’impulso di colpire (o urlare o qualsiasi altra cosa), vedere la prospettiva dell’altro bambino, avere empatia per gli altri ed essere in grado di comunicare sentimenti e ha bisogno di essere produttivo. In altre parole, vogliamo che il nostro bambino abbia empatia per gli altri – anche quando è arrabbiato! Quanto sarebbe potente se potessimo modellare l’empatia. . . anche quando siamo arrabbiati con il nostro bambino che ha appena colpito qualcuno? (Lo so, non è facile). Iniziando con l’empatia potrebbe sembrare così: “Whoa! Sei così arrabbiato che Sally ha abbattuto la tua torre! E non posso permetterti di colpirla. Andiamo qui e calmati, così possiamo capire cosa fare dopo. ” Ancora una volta, è possibile convalidare i sentimenti senza convalidare le azioni. Con empatia e un po ‘di tempo per calmarsi, i bambini saranno molto più aperti e in grado di apprendere qualcosa di costruttivo da questo “momento di insegnamento”.  Per riassumere, iniziare con l’empatia può aprire la porta a tutto questo e altro: Problem-solving Connessione Apertura mentale e ricettività Fiducia Calma creatività Intelligenza emotiva (comprensione dei sentimenti di sé e degli altri, conoscenza dei modi per autoregolarsi / calmarsi, ecc.) Se solo potessi ricordare di iniziare con l’empatia, si apriranno così tante porte. Ho intenzione di rendere questa la mia priorità questa settimana! Se fai lo stesso, mi piacerebbe conoscere la tua esperienza nella sezione commenti qui sotto.

Fonte originale: http://workingparenting.com/empathy-opens-door/

 

Vuoi approfondire l’argomento?  leggi anche questo interessantissimo articolo:   https://www.federicabenassi.com/blog/mamma/come-sviluppare-lempatia-ai-bambini/

 

 

Comments are closed.