Ansia: 5 cose da sapere
20 Dicembre 2019
Combattere l’ansia (della mamma)
12 Gennaio 2020

Com’è andata oggi ? 🤔

 

 

Sappi , mio carissimo genitore, che se quando tua figlia o tuo figlio vengono a casa da scuola tu gli chiedi “com’è andata oggi?” 🤔 e non ti rispondono, non è colpa loro.

O meglio, nella maggior parte dei casi la colpa non è loro ma è tua.

Questa è la brutale verità, mio caro genitore, se poi non te lo vuoi sentir dire in maniera così diretta mi dispiace, ma tant’è.

Prova a pensare a quante volte hai chiesto loro “com’è andata oggi?”. Io dico che lo hai chiesto tutte le volte che rientravano da scuola, quando li portavi all’asilo nido, alla materna, alle superiori: sempre la stessa domanda. È diventato col tempo un tormentone, tanto che, se ci fai caso, puoi costatare che i tipi di reazione dei figli a questa domanda sono tre.

👉Primo

“Tutto bene, come vuoi che sia andata? Tutto benissimo”. È il primo tipo di risposta, quella con il tono della voce sommesso, un po’ silenzioso. Testa bassa, spalle chiuse, s’incamminano verso la camera. Non vogliono condividere nulla. Sono così i ragazzi pigri, quelli che hanno paura della critica, del giudizio.

👉Secondo

“Come vuoi che sia andata?” è il secondo tipo di risposta. Di solito sono i brontoloni, i lamentosi, che rispondono in questo modo. Sono quelli che si lamentano sempre: si lamentano degli insegnanti, si lamentano degli amici, si lamentano del vicino di banco… Quelli che non è mai colpa loro. Anche loro fuggono in camera, e lanciano lo zaino appena vi entrano.

👉Terzo

“Benissimo” è il terzo tipo di risposta, quella dei figli furbi. Loro sono molto svegli, appena fai la domanda ti rispondono. A loro non interessa nulla, sono svegli, sono smart. Ti guardano negli occhi e fuggono in camera.

Elena, che mi ha chiesto: “Federica, cosa dico, quindi, a mia figlia quando entra in casa dopo una giornata di scuola?”. In pratica vuole sapere quale può essere la domanda giusta per fare in modo che i figli non scappino subito in camera chiudendone la porta.
Le rispondo: “Devi per forza dire qualcosa? Se proprio non ce la fai, allora prova a cambiare domanda”.

Provate con un semplice “ciao, come stai oggi?”, e domandatelo con un tono affettuoso, accogliente.

In conclusione 👇👇👇

La domanda che vi suggerisco può sembrare una domanda ovvia, e forse lo è anche. Ma spesso le cose vanno cercate nel semplice, nell’ovvio. Quindi: “Ciao, come stai oggi?”.

 

 

Cosa ne pensi?  Non vedo l’ora di leggerlo nei commenti qui sotto. 👇

 

 

 

 

Mi trovi anche  sulla mia pagina di Facebook, clicca qui 👉 👉.

Guarda anche i miei video su Youtube, clicca qui. 👉 👉 

Seguimi anche su Istagram, clicca qui: 👉 👉   

Ti ricordo dove mi puoi trovare e chiedermi quello che vuoi 😜  👇

 

Mandami una mail e verrai immediatamente contattata:  👉  federica.benassi07@gmail.com

SEI ANCHE TU UN GENITORE ANSIOSO?
PROVA A CAMBIARE, SCARICA IL PDF GRATUITO!

Download
CLICCA QUI

Lascia un commento